Decreto “Ristori Bis”: una sintesi delle principali misure per zone arancioni

Si pubblica una sintesi delle principali misure previste dai decreti Ristori (D.L. 28 ottobre 2020 n. 137) e Ristori Bis (D.L. 9 novembre 2020 n. 149) a vantaggio delle attività di cui all’Allegato 1 situate al momento in “zona arancione”.

Clicca su ciascun documento per la relativa visualizzazione:

Prospetto sintetico decreti Ristori_Ristori Bis

 Allegati 1_2_3 Ristori

Schema Ristori

Clicca su ciscun link per visualizzare il testo completo dei decreti un Gazzetta Ufficiale:

Decreto Ristori

Decreto Ristori Bis

Per maggiori informazioni:
finanziamenti@promofirenze.it
Michele Trizza, t. 055 2671626
Pierpaolo Chelo, t. 055 2671617

 

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto “Ristori”

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.L 28 ottobre 2020, n. 137 . Clicca quì per scaricare il testo del decreto. 

Queste le principali misure previste:

Art. 1 – Contributo a fondo perduto (fino a un massimo di 150 mila euro e senza limite di fatturato) per quelle imprese ed operatori economici interessati (vedi lista codici Ateco in allegato 1) e già indennizzati con il precedente Decreto Rilancio; il beneficio, rivolto alle attività con Partita Iva attiva al 25 ottobre 2020, è calcolato come coefficiente su quanto già erogato con il precedente decreto e sarà riconosciuto tramite bonifico diretto dall’Agenzia delle Entrate; gli operatori che non avevano chiesto tale aiuto dovranno invece presentare un’apposita domanda.

Art. 5 – Stanziamento straordinario di 550 milioni di euro per il sostegno agli operatori della filiera turistica, della cultura e dello spettacolo, tra cui quindi agenzie di viaggio, tour operator, guide e accompagnatori turistici, organizzatori di fiere e congressi.

Art. 6 – Stanziamento straordinario di 150 milioni di euro per le attività di export e partecipazione a fiere internazionali cancellate per la pandemia. Le risorse aggiuntive vanno ad incrementare il cosiddetto “Fondo 394 Simest” dedicato ai finanziamenti agevolati.

Art. 7 – Stanziati 100 milioni di euro per l’anno 2020 finalizzati all’erogazione di contributi a fondo perduto a favore delle imprese operanti nelle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura; con prossimo decreto saranno definiti i beneficiari e relativi criteri di fruizione.

Art. 8 – Credito d’imposta cedibile al 60% dei canoni di locazione degli immobili ad uso commerciale per i mesi di ottobre, novembre e dicembre (vedi allegato 1).

Art. 9 – Cancellazione della seconda rata IMU per i proprietari degli immobili e pertinenze in cui si esercitano le attività interessate (vedi allegato 1) a condizione che gli stessi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

Art. 10 – Il termine per la presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (Mod. 770), relativa all’anno di imposta 2019 è prorogato al 10 dicembre 2020.

Art. 12 – I datori di lavoro che sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, possono presentare domanda di concessione dei trattamenti di Cassa integrazione con estensione per ulteriori 6 settimane, da usufruire tra il 16 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021; si conferma il blocco dei licenziamenti entro quest’ultima data.

Art. 13 – Sono sospesi i termini relativi ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e i premi per l’assicurazione obbligatoria dovuti dagli operatori dei settori oggetto di restrizioni per la competenza del mese di novembre 2020. I pagamenti possono essere effettuati senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 16 marzo 2021 o mediante rateizzazione fino a un massimo di quattro rate mensili di pari importo.

Art. 16 – Al fine di assicurare la tutela produttiva e occupazionale delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura e contenere gli effetti negativi  del  perdurare  dell’epidemia  da Covid-19, alle aziende appartenenti alle predette filiere, comprese le aziende produttrici di vino e birra, è riconosciuto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, per la quota a carico dei datori di lavoro per la mensilità relativa a novembre  2020. Il medesimo esonero è riconosciuto agli imprenditori agricoli professionali, ai coltivatori diretti, ai mezzadri e ai coloni con riferimento alla predetta contribuzione.

Clicca e scarica la tabella con i codici Ateco interessati e i relativi “coefficienti di ristoro”.

Per maggiori informazioni:
finanziamenti@promofirenze.it
Michele Trizza, t. 055 2671626
Pierpaolo Chelo, t. 055 2671617

Le agevolazioni per le imprese della CCIAA di Firenze

Online le agevolazioni per le imprese previste dalla Camera di Commercio di Firenze:

Disciplinare per l’erogazione di Voucher Digitali I4.0 – MISURA B – Anno 2020

domande a partire dal 16 luglio 2020 al 31 luglio 2020 – salvo esaurimento risorse

Disciplinare per l’erogazione di contributi a fondo perduto per la ripartenza in sicurezza

domande a partire dal 21 luglio 2020 al 31 dicembre 2020 – salvo esaurimento risorse

Disciplinare a favore delle PMI della città metropolitana di Firenze per la partecipazione a Mostre e Fiere di settore – anno 2020 

domande a partire dal 16 marzo 2020 e fino al 31 dicembre 2020 – salvo esaurimento risorse

Disciplinare a sostegno dell’internazionalizzazione delle MPMI della città metropolitana di Firenze – anno 2020

domande a partire dal 28 agosto 2020 e fino al 30 novembre 2020 – salvo esaurimento risorse

Disciplinare a sostegno delle imprese cooperative della città metropolitana di Firenze – anno 2020

domande a partire dal 28 agosto 2020 e fino al 30 novembre 2020 – salvo esaurimento risorse

Disciplinare a favore delle associazioni, dei consorzi e delle organizzazione di produttori del settore agricolo della città metropolitana di Firenze per l’organizzazione e/o promozione di iniziative per la filiera corta – anno 2020

domande a partire dal 28 agosto 2020 e fino al 31 dicembre 2020

Contatti

Telefono: 055.23.92.139
Email: promozione@fi.camcom.it

Finanziamenti agevolati e contributi SIMEST per l’internazionalizzazione

Disponibili alcuni strumenti finanziari promossi da SIMEST a beneficio delle imprese che intendono investire in programmi di internazionalizzazione:

Partecipazione a fiere, mostre e missioni di Sistema (solo PMI)

Supporta la partecipazione delle PMI a eventi internazionali e missioni di sistema per promuovere il business su nuovi mercati: fino a € 150.000

  • Contributo a fondo perduto del 40%

  • Finanziamento a tasso agevolato dello 0,078% da restituire in 4 anni di cui 1 di preammortamento

Programmi di inserimento sui mercati extra UE

Agevola l’ingresso in nuovi mercati finanziando l’apertura di strutture commerciali permanenti: fino a € 4 milioni

  • Contributo a fondo perduto del 20%, sino ad un massimo di 100.000€

  • Finanziamento a tasso agevolato dello 0,078% da restituire in 6 anni di cui 2 di preammortamento

Studi di fattibilità

Finanzia studi di fattibilità collegati a investimenti esteri: fino a € 200.000 per investimenti commerciali e fino a € 350.000 per investimenti produttivi

  • Contributo a fondo perduto del 40%, sino ad un massimo di 100.000€

  • Finanziamento a tasso agevolato dello 0,078% da restituire in 4 anni di cui 1 di preammortamento

Programmi di assistenza tecnica

Sostiene la formazione del personale nelle iniziative di investimento estere: fino a € 300.000

  • Contributo a fondo perduto del 40%, sino ad un massimo di 100.000€

  • Finanziamento a tasso agevolato dello 0,078% da restituire in 4 anni di cui 1 di preammortamento

Temporary Export Manager (TEM)

Supporta l’inserimento temporaneo di figure professionali specializzate (TEM) per la realizzazione di progetti in Paesi extra UE fino a € 150.000

  • Contributo a fondo perduto del 40%

  • Finanziamento a tasso agevolato dello 0,078% da restituire in 4 anni di cui 2 di preammortamento

E-Commerce

Finanzia lo sviluppo di soluzioni E-Commerce attraverso l’utilizzo di un market place o la realizzazione di una piattaforma informatica sviluppata in proprio fino a € 450.000

  • Contributo a fondo perduto del 40%, sino ad un massimo di 100.000€

  • Finanziamento a tasso agevolato dello 0,078% da restituire in 4 anni di cui 1 di preammortamento

Patrimonializzazione delle PMI esportatrici (solo PMI)

Sostiene il rafforzamento patrimoniale delle PMI italiane con vocazione internazionale con finanziamenti fino a € 800.000

  • Contributo a fondo perduto del 40%, sino ad un massimo di 100.000€

  • Finanziamento a tasso agevolato dello 0,078% da restituire in 6 anni di cui 2 di preammortamento

 

Per maggiori informazioni:

finanziamenti@promofirenze.it

Michele Trizza, 055 2671626

Duccio Negroni, 055 2671617

 

 

Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali

La misura supporta  le imprese che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato.

L’aiuto consiste in un credito di imposta variabile dal 6% al 40% (fino ad un massimo di 3 milioni €) a seconda della tipologia di spesa agevolabile, ed è cumulabile n altre agevolazioni che abbiano a oggetto i medesimi costi nei limiti massimi del raggiungimento del costo sostenuto.

Per maggiori informazioni ed assistenza:

finanziamenti@promofirenze.it

Michele Trizza, 055 2671626

Duccio Negroni, 055 2671617